GIANLUIGI BUFFON: UN’ALTRA LEGGENDA SE NE VA…

Lascia la Juve un altro fenomeno, un’altra bandiera, il Migliore di sempre in quel ruolo: non ha vinto il Pallone d’Oro soltanto perché un certo Fabio Cannavaro nel 2006 riuscì a trascinare gli azzurri sul tetto del mondo in un modo ancor più straordinaria, ma in un calcio come quello moderno, il Capitano non l’ha potuto vincere nemmeno alla carriera. Se non ha potuto vincerlo il #1, dopo Yashin probabilmente nessuno mai lo vincerà più: lascia la Juve con il 4º doblete di fila, la prima coppa Italia vinta da titolare con Madama, vincendo il campionato a 95 punti, secondo miglior bottino di sempre dopo i 102 della stagione 13/14. Buffon è il simbolo della sportività, della pace, di colui che ha sempre cercato di esportare l’Italia in campo e nel mondo, gettando tutto all’ortiche dopo 23 anni al top con un sfogo figlio della voglia di vincere, anche a 40 anni, di una mentalità ⚪⚫ completamente iniettata nelle vene. Parate incredibili, quella su Inzaghi nel 2003, su Zidane nel 2006, dove subì solo due gol da situazioni pazzesche come l’autogol di Zaccardo oppure in Champions su Iniesta e Kane, proprio quel tabù con ben 3 finali perse. L’erede di Zoff, l’emblema della sportività e del portiere, che ispira i giovani, ma che probabilmente non potranno mai eguagliare per longevità e vittorie. Il Capitano, che fino alla fine ci ha messo la faccia, e che se ne va nel giorno del ritorno del Parma in A: l’ultimo ed unico da non fare è continuare, per far finire tutto in modo magico. #un1co 🇮🇹⚽🤙🏻#xsempre

Rispondi

Ultimi risultati

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Classifica Serie A

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Prossimi incontri

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: