I padroni di casa della Russia seguiti dal presidente Putin

Il presidente russo Putin seguirà la sua nazionale da tifoso, ma anche e soprattutto da leader incontrastato.

Essere riusciti ad ottenere il permesso di organizzare i mondiali  è motivo di orgoglio per tutta la Russia e soprattutto per l’indiscusso Putin.

L’ex Unione sovietica vuol far vedere al mondo intero come i russi siano realmente una potenza in tutti i settori, in questo caso nello sport. Aver organizzato nei tempi e nei modi adeguati una manifestazione di questa portata è tema fondamentale in Russia, per esaltarne la nazione.

L’esaltazione mondiale dei russi deriva anche dal loro presidente, oramai indiscusso autore di un “regno” quello russo, governato con apparente e tranquilla metodologia democratica.

Inoltriamoci nello sport e lasciamo la politica. La Russia come selezione nazionale, in fin dei conti non è male e dalla sua ha il fatto che sia inserita in un gruppo sulla carta facile o quanto meno di piccola caratura. Il gruppo A in cui si ritrova è composto da:

  1. Arabia Saudita
  2. Egitto
  3. Uruguay
  4. Russia

l’unica squadra a poter dare filo da torcere ai russi sono i sudamericani dell’Uruguay che con Cavani e company cercheranno di ottenere la prima posizione per poi vedersela contro la seconda del grupp B. Anche l’Egitto potrebbe essere considerata la classica outsider del gruppo, attenzione.

Chi riuscirà a qualificarsi per gli ottavi da questo gruppo dovrà vedersela con le nazionali del gruppo B, in cui risiedono Spagna e Portogallo tra le più blasonate e poi Marocco e Iran tra quelle più scarse.

La rosa russa:

Portieri
Akinfeev (CSKA), Gabulov (Brugge), Lunyov (Zenit)

Difensori
Fernandes (CSKA), Granat (Rubin Kazan), Ignashevich (CSKA), Kudryashov (Rubin Kazan), Kutepov (Spartak), Semyonov (Akhmat Grozny), Smolnikov (Zenit)

Centrocampisti
Cheryshev (Villarreal), Dzagoev (CSKA), Gazinsky (Krasnodar), Golovin (CSKA), Kuzyaev (Zenit), Miranchuk (Lokomotiv), Samedov (Spartak), Yerokhin (Zenit), Zhirkov (Zenit), Zobnin (Spartak)

Attaccanti
Dzyuba (Arsenal Tula), Miranchuk (Lokomotiv), Smolov (Krasnodar)

Leggendo la rosa della nazionale russa, si può tranquillamente notare come 21 giocatori su 23 fanno parte del campionato russo e solo due giocano all’estero. Segno indiscusso di nazionalismo, ma anche di come i giocatori russi abbiano enormi difficoltà a trovare posto nell’Europa che conta.

Questo dovrebbe far capire, come il livello della nazionale di Putin possa essere accettabile ma non in una misura tale da poter scommettere su un passaggio del turno automatico.

Registrati su Betfair subito per te fino a 100€ di buono.

 

 

Fondatore del Magazine sportivo “IL CALCIO 24 ORE”  laureato in scienze motorie all’università Carlo Bò di Urbino. Appassionato di giornalismo sportivo, numeri e statistiche calcistiche.

Rispondi

Ultimi risultati

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Classifica Serie A

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Prossimi incontri

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: