22 luglio 2018: una data da ricordare per lo sport italiano

22 luglio 2018: una data che probabilmente gli italiani non dimenticheranno facilmente. 
Ieri infatti, il mondo dello sport si è colorato di tricolore, come non accadeva da tempo, sia in positivo che in negativo, dalla Formula 1 al golf, passando per il tennis: discipline in cui, ognuno, ha detto la sua…

ATLETICA
ELENA VALLORTIGARA STORICA NEL SALTO IN ALTO

Nella decima tappa della Diamond League l’altista veneta ha saltato 2,02 mt, migliorandosi di 6 cm. Un risultato che rappresenta la seconda miglior misura di sempre per un’azzurra dopo quelle ottenute dalla primatista nazionale Antonietta Di Martino (2,03 all’aperto e 2,04 indoor).
Superato lo storico 2,01 di Sara Simeoni che, quindi, scivola ora al 3° posto nella classifica italiana all-time. La vittoria è andata alla russa Mariya Lasitskene-Kuchina, campionessa mondiale della specialità, che però, per battere la concorrenza dell’agguerrita Vallortigara ha dovuto saltare 2,04. Con questo risultato, la 26enne di Schio, si qualifica agli Europei da seconda nel ranking mondiale.

CALCIO
ITALIA U19 IN SEMIFINALE AGLI EUROPEI

Gli Europei della categoria Under-19 sono in corso in Finlandia e sono trasmessi dalla Rai e l’Italia sta facendo un egregio cammino, candidandosi come una delle favorite alla vittoria finale. Oggi, pareggiando 1-1 contro la Norvegia grazie a Moise Kean, l’Italia si è assicurata il primato del girone A, davanti al Portogallo, battuto 3-2 nel turno precedente e che oggi aveva vinto contro i padroni di casa, ultimi nel gruppo, battuti all’esordio dagli azzurrini. La squadra di Paolo Nicolato ora attende una tra Francia, Inghilterra o Ucraina in semifinale, con la Turchia già eliminata, in un grande classico mondiale, con la certezza di partecipare ai Mondiali U20. Con tale formazione, sognare è lecito:
Italia (4-3-3): Plizzari; Bellanova, Zanandrea, Bettella, Tripaldelli (dal 55′ Candela); Frattesi, Tonali, Gabbia; Scamacca (dal 62′ Kean), Zaniolo (dal 94′ Melegoni), Pinamonti. A disposizione: Cerofolini, Capone, Brignola, Marcucci, Del Prato, Mallamo. All. Nicolato.

FORMULA 1
HAMILTON TRIONFA: FERRARI NEL BARATRO CON UN MARCHIONNE IN MENO

Nel weekend della nomina di John Elkann come nuovo Presidente Ferrari, Sebastian Vettel perde la vetta mondiale: è probabilmente l’unico sport in cui l’Italia non ha da festeggiare, anzi. Se la presidenza del Cavallino sta in ottime mani nel discendente del ramo della famiglia Agnelli, lo stesso non si può dire delle condizioni di Sergio Marchionne, classe 1952 e artefice del rialzo della FIAT grazie a grandi manovre e nuove idee che dal 2004 ad oggi hanno dato alla casa automobilistica italiana nuovo lustro. Infatti, venerdì sera, tutte le testate italiane parlano di un peggioramento delle condizioni dell’ex amministratore delegato di FCA in seguito ad un’operazione, dunque, ecco un Cda improvvisato per sistemare il tutto: al più grande di fratelli Elkann anche la presidenza Ferrari dopo quella FIAT eredita dal nonno, mentre il nuovo ad è Mike Manley, già protagonista della crescita della Jeep.

Tornando in pista invece, succede l’impensabile: Lewis Hamilton partiva 14° ma grazie alla sua solita bravura e ad una macchina supersonica, eccolo di nuovo in top5 in una gara in cui dalla sesta posizione a scendere, verso il 50° giro, erano tutti doppiati, con il fenomeno della Mercedes sempre più vicino nel mettere pressione a Sebastian Vettel, sempre più primo grazie ad un’ottima partenza e la pole position conquistata davanti al pubblico di casa. Poi, ecco l’impensabile: la possibile vittoria da dedicare all’ex Presidente, si spegne quando comincia a piovigginare, quindi un guasto allo sterzo, porta il leader del Mondiale Piloti, fuori pista, con altri incedenti che fanno entrare la safety car e spianano la strada all’inglese, che rischia una penalità per una scorrettezza dopo aver tagliato in seguito ad un pit stop, ma che trionfa davanti ai finlandesi Valteri Bottas e Kimi Raikkonen soprattutto in casa del rivale tedesco, a Hockenheimring, dopo la vittoria di Vettel a Silverstone, che perde di nuovo la vetta, con Hamilton a +17, con le Frecce d’Argento ora anche davanti in classifica costruttori con 8 punti di vantaggio. Ci sono ancora speranze mondiale, Ferrari?

GOLF
FRANCESCO MOLINARI È IL PRIMO ITALIANO A VINCERE UN MAJOR

Chicco Molinari, vince il British Open: l’Open Championship disputato sul green del Carnoustie Golf Links (par 71), in Scozia. Con questa vittoria Molinari è il primo italiano di sempre a vincere un major, uno dei quattro tornei più importanti del golf mondiale. L’azzurro – al terzo successo stagionale – ha chiuso il torneo in 276 colpi (70 72 65 69, -8) davanti a tutti. Uno stato di grazia che dura ormai da mesi, i migliori nella carriera del torinese classe 1982. Tutto è iniziato il 27 maggio scorso con il successo nel BMW PGA Championship davanti a McIlroy, poi è arrivato il secondo posto (per un solo colpo) nell’Open d’Italia e, prima della soddisfazione odierna, addirittura il successo nel Quickens Loans Nationals il primo luglio scorso. 8 colpi di vantaggio su Ryan Armour che gli avevano già permesso di entrare nella storia, divenendo il primo italiano a vincere nel PGA Tour dal successo di Toney Penna nel 1947. Il primo in Gran Bretagna dalla prima edizione del 1860: un trofeo prestigioso, prima delle Olimpiadi di Tokyo del 2020 e della Ryder Cup che si disputerà in Italia nel 2022 per uno dei più forti di sempre!

SCHERMA
NAVARRIA MONDIALE NELLA SPADA DONNE!

È d’oro la prima medaglia dell’Italia ai Mondiali di scherma di Wuxi. A conquistarla è stata Mara Navarria, a 33 anni da poco compiuti, nella spada femminile. La friulana dell’Esercito, numero 1 del ranking mondiale, ha sconfitto in finale la rumena Ana Maria Popescu per 13-9 conquistando così il primo titolo iridato della sua carriera.

TENNIS
DOPPIO TRIONFO STORICO: FOGNINI A BASTAD E CECK A UMAGO!

Per la terza volta nella storia, c’è una doppietta italiana storica nello stesso weekend: nel 1977 accadde a Corrado Barazzutti, che trionfò a Charlotte, USA, e Paolo Bertolucci nell’Atp di Firenze e due anni fa a Paolo Lorenzi a Kitzbuhel e a Fabio Fognini a Umag. Con una doppietta clamorosa: sono 4 i trofei italiani nel 2018, mentre nel 1991 gli azzurri ne portarono a casa 3. ll poker è giunto per mano degli stessi giocatori, ma continuare a sognare, per il prossimo futuro, non costa nulla…

ATP 250 BASTAD
Quella di Bastad, luogo storico del tennis svedese, è la settima vittoria in carriera di Fabio Fognini, che in finale ha superato in tre set l’ex n.7 del mondo Richard Gasquet (oggi n.29). Una vittoria, quella nell’Atp 250 che in un ricchissimo albo d’oro (Rosewall, Santana, Borg, Wilander, Nadal…) conta anche i nomi di Tonino Zugarelli (1975), Corrado Zugarelli (1976), Paolo Canè (1989) e Andrea Gaudenzi (2001), per Fabio vale anche la 14esima posizione in classica mondiale, a un solo posto dal suo miglior piazzamento (n.13 ottenuto nel 2014), conquistando il 12° posto nella Race to London. Solo Adriano Panatta nella storia Open del nostro tennis ha vinto più tornei (10) di Fabio che con il successo di oggi ha staccato Paolo Bertolucci (6). Fognini, poi, ha perso con Simone Bolelli la finale di doppio contro Ceballos/Peralta, sfiorando i limiti del paranormale: il classe 1987 parteciperà ora al torneo di Gstaad, in Svizzera, dove dovrà difendere il titolo vinto l’anno passato, per poi partecipare all’Atp 500 di Amburgo, vinto 5 anni fa.

ATP 250 UMAGO
In quel di Umago invece, splendida località di mare croata, Marco Cecchinato porta a casa il secondo trionfo Atp in carriera dopo quello di Budapest contro John Millman
in aprile, su altrettanti finali, tutte nel 2018: la Croazia si conferma portafortuna per l’Italia, lì dove, nel 2016 trionfo il ligure, l’anno scorso Paolo Lorenzi perse da Andrey Rublev e quest’anno il palermitano contro Guido Pella, alla terza finale su tre persa. Da oggi Ceck è #22 al mondo, decimo addirittura nella Race, mostrando che la semifinale di Parigi non è stato un caso, ma che la testa e il talento ci sono: i punti da difendere non sono molti da qui a fine stagione, quindi, sognare è lecito…

Rispondi

Ultimi risultati

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Classifica Serie A

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Prossimi incontri

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: