Il GP di Monza dell’edizione di Formula 1 2018 lo vince, per la quinta volta nelle ultime 7 stagioni, Lewis Hamilton, che si avvicina ancor di più al quinto titolo iridato, salendo a +32 su Sebastian Vettel 4° a fine gara ma comunque autore di una grande gara, a tratti epica. Il corridore inglese raggiunge Michael Schumacher, infrangendo l’ennesimo record di una carriera clamorosa. Oggi il successo è meritato, strappato alle due Ferrari che dopo 18 anni erano tornate in prima fila in casa: si tratta della settima vittoria stagionale, trionfando davanti a Kimi Raikkonen arrivato con gomme usurate con il blistering sulle ruote, e il compagno di squadra Valteri Bottas, che guadagna una posizione su Max Verstappen che subisce la penalità di 5 secondi. Il numero 44 inglese vince in casa italiana, proprio come fatto in Germania ottenendo doppia rivincita su Vettel che trionfò a Silverstone. Per il finlandese si tratta del 100 podio in carriera, anche se dopo la 18esima pole position in Ferrari ci si aspettava di più: le gomme e la maggior potenza britannica hanno un retrogusto amaro, anche se rispetto agli ultimi 4 anni, con le Mercedes avanti sempre per tutto il corso della gara, c’è stata una competizione. Il tabù resta: l’ultimo successo del Cavallino è datato 2010 con Fernando Alonso. Un altro deluso di giornata è sicuramente Seb Vettel, che non ha mai potuto competere per la vittoria finale considerando che si è girato dopo due curve, rimontando comunque in maniera epica. Bottas invece riesce nella propria missione di “tappare” Iceman e i tentativi di vittoria. Ditastro Red Bull tra Ricciardo fuori e Verstappen come al solito capriccioso in gara. 
A meno 7 gran premi, il titolo iridato per Hamilton è sempre più vicino: Vettel, dopo la solita delusione Monza da vero spartiacque ogni anno, riuscirà a rimontare?

CRONACA
La partenza è subito spumeggiante: dopo 18 anni, le due Ferrari partono in prima fila e fino alla seconda curva rimangono tali, ma Hamilton sopraggiunge da dietro e compie un sorpasso da fantascienza in uno spazio molto piccolo, toccando Vettel, che scivola all’ultima posizione perdendo un’ala.

Il tedesco va ai box e la safety car, in pista dopo 368 giri totali in quel di Monza, riduce ogni gap: uscito Hartley per aver procurato l’incidente di Vandoorne, Hamilton supera subito Iceman, ma il finlandese supera il campione del mondo alla Roggia, lì dove si è consumato il fattaccio. La gara procede con Vettel che recupera posizioni mentre in avanti Kimi Raikkonen riesce a conservare il primo posto dagli attacchi del britannico: il finlandese monta gomma gialla mentre l’inglese entra ai box soltanto dopo i primi schizzi di pioggia e l’ennesimo ritiro di Daniel Ricciardo, che dopo la vittoria a Montecarlo e la firma con la Renault, è diventata routine.
Bottas fa tappo su Kimi, che non riesce ad avere vantaggio sulla Mercedes che ripara i danni dopo la discutibile strategia, mentre il finlandese ha del blistering sulle gomme: entrato ai box il classe ’89, Iceman torna primo.
Nel 43° giro succede qualcosa di clamoroso, con Verstappen come al solito protagonista: il pilota della Red Bull subisce l’attacco di Bottas e a ruote bloccate ecco la spallata che mettere fuori dalla lotta Bottas, subendo 5 secondi di penalità, con Vettel che recupera terreno: a 8 giri dalla fine, ecco il sorpasso che concede difatti la vittoria ad Hamilton. L’inglese supera in prima variante Kimi, e si invola verso il successo: Hamilton vince davanti ai finlandesi Raikkonen e Bottas.

Rispondi

Ultimi risultati

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Classifica Serie A

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Prossimi incontri

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: