Una delle note positive di questo Milan, targato Rino Gattuso, è Jesús Joaquín Fernández Sáez de la Torre, o meglio conosciuto, Suso. Dotato di una tecnica e di un mancino assurdi, permette ai propri compagni di mettere la palla alle spalle del portiere. Nell’ultimo anno non ha brillato così tanto, o meglio, ha brillato solo per metà stagione, poi il buio più totale. Sarà un problema di testa? Chi lo sa, ma quando si accendono lui e la sua lampadina diventa inarrestabile.

Dal 2016, insieme a Bonaventura, ormai, tiene in piedi un Milan che negli ultimi anni ha fatto spesso campionati mediocri, salvando gli ultimi due anni con l’accesso in Europa League. Adesso però i rossoneri stanno tornando, con una nuova società, sempre più grande e con innesti del calibro di Gonzalo Higuaìn, una delle migliori punte al Mondo, che dovrà essere punto di riferimento per tutta la squadra.

Inizio SUPER per lo spagnolo

Stagione 2018/2019 e Suso rientra tra i migliori di questo inizio di campionato. Già 3 assist serviti ai compagni: a Calabria, nella sconfitta per 3-2 contro il Napoli, e il doppio assist contro l’Atalanta per Higuaìn e Bonaventura, partita finita poi 2-2. Ma oltre ai soliti passaggi chiave, da quando è sotto la gestione di Gattuso, rende sia in fase difensiva e, ovviamente, sia nella fase offensiva, facendo movimenti che negli anni scorsi nessuno gli ha mai visto fare: l’inserimento dietro la difesa avversaria. Si era già vista questo tatticismo, da parte di Mister Gattuso, nell’amichevole contro il Manchester United, ricordata anche per l’ultima partita dell’ex capitano rossonero Leonardo Bonucci, ormai una piccola macchia nella storia rossonera, che sicuramente ha fatto male, sia ai tifosi milanisti che a quelli juventini, ma anche in generale ai tifosi dello Sport.

Susino mioooo.png
Suso

Al centro di tutto

Dall’areoplanino Montella, al generale Gattuso, dagli ex Fassone e Mirabelli, ai nuovi Maldini e Leonardo. La sua titolarità non è mai stata messa in discussione, da nessuno, come il suo talento: appena arrivato al Milan sembrava potesse spaccare tutto e entrare di diritto nel 4312 di Berlusconi, come trequartista, però Inzaghi quell’anno decise di puntare sul 433, senza mai considerare Suso più di tanto. Esordio come esterno d’attacco, nel derby della Madonnina, successivamente finito 0-0. Alla fine della stagione, il talento spagnolo, fu passato in prestito secco al Genoa, dove fece vedere un pizzico del suo talento. In 19 presenze, con la maglia rossoblu, fece ben 6 gol, di cui una tripletta nel derby della Lanterna, contro la Sampdoria.

GIGI torrre foto mmia.jpg

Come gestirlo al Fanta

Suso è uno dei pezzi grossi da possedere al fantacalcio, soprattutto quest’anno, dove potrebbe far vedere tutto il talento nascosto che possiede. Ha il vizio del gol e fa molti Assist: già 3 in 4 partite in questo inizio di campionato. Quindi, cercate di tenervelo bello stretto, che il bonus, la maggior parte delle volte, lo porta. Se proprio volete scambiarlo, cercate di prendere giocatori che possono fare circa gli stessi gol o gli stessi assist di Suso, come il Papu Gomez, Douglas Costa o Callejon.

Ultimi risultati

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Classifica Serie A

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Prossimi incontri

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: