La Premier League rifiuta la proposta post-Brexit della FA.

Con un comunicato apparso sul suo sito ufficiale, la Premier League comunica il suo rifiuto alla proposta della FA di ridurre il numero di giocatori non-locali (ovvero giocatori cresciuti professionalmente fuori dalla nazione) da 17 a 13.

La FA aveva fatto questa proposta per dare una possibilita’ ai giovani cresciuti nei vivai delle squadre inglesi, di potere avere la possibilita’ di poter crescere professionalmente nella principale categoria professionale inglese, anche per poter permettere a Gareth Soutghate (allenatore della nazionale dei tre leoni) di avere una scelta piu’ ampia nella scelta dei suoi convocati.

La proposta della FA, che vorrebbe anche applicarla nel caso in cui il Brexit non si concretizzasse, porta come dimostrazione i recenti successi della nazionale under 20 e della selezione under 17.

Una proposta che puntava a mantener alta la qualita’ del campionato di Premier, pur dando spazio ai talenti locali.

Nonostante il rifiuto della Premier League, la FA continua ad andare avanti con la sua proposta, avviando diversi contatti con le dirigenze delle squadre inglesi e scozzesi, che sono d’accordo sul fatto che questa proposta , sia in caso di Brexit o non Brexit, non indebolira’ la forza delle rose delle squadre britanniche.

Ultimi risultati

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Classifica Serie A

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.

Prossimi incontri

The latest football information here. Now fetching info from the soccer data source.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: