Umiltà, semplicità, efficacia: 3-0 Milan.

Il Milan di Stefano Pioli, che fino a poche settimane fa sembrava poter soffrire qualsiasi match, indipendentemente dalla compagine avversaria, nella prestazione di questa sera contro la Spal ha finalmente vinto meritatamente e senza momenti d’affanno.

Questo Milan ha bisogno di normalità, e nonostante l’appellativo di “normalizzatore” proprio non vada giù a Mister Pioli, il suo 4-4-2 ordinato e diligente, fa muovere i soldatini rossoneri con logica e sincronismi congeniali; Castillejo su tutti, non avrà la classe e l’estro di Suso, e probabilmente neanche la sua tecnica di base, ma ha la corsa e l’intelligenza tattica adatta per svolgere il ruolo di esterno di destra a tutta fascia per un 4-4-2 classico che impone ai propri laterali una doppia fase dispendiosa. Meno bene il suo “alter ego”, Jack Bonaventura, che non è esattamente un fulmine di guerra nelle ultime uscite rossonere, ma se Theo Hernandez continua così, riesce a buttare sotto al tappeto tutta la polvere e i problemini della fascia sinistra vengono spostati in secondo piano senza troppi sforzi.

In mezzo al campo, menzione doverosa per Ismael Bennacer: regista generoso che non ha nessuna intenzione di risparmiarsi qualche corsa in più, sta offrendo prestazioni molto positive nell’ultimo periodo; l’Algerino dovrà probabilmente imparare a gestirsi meglio in futuro, evitare qualche rincorsa di troppo per restare più lucido in fase d’impostazione, come in questo match nell’imbucata per Piatek.

Proprio Krzysztof Piątek, il pistolero con le polveri bagnate, torna finalmente a segnare su azione accettando l’invito a nozze di Bennacer; che questa sia la fine del calvario per il Polacco, non ci pare il caso di dirlo (considerando anche le alte occasioni sprecate) ma sicuramente vedere ogni giorno, a Milanello, quel ragazzone di Malmō andare a 200 km/h in allenamento avrà toccato inevitabilmente le corde del suo orgoglio.

La luce fuori dal tunnel è ancora lontana, e questa (seppur bella e meritata) vittoria per 3-0 sulla Spal non deve essere assorbita come conseguenza della risoluzione dei problemi rossoneri, ma di certo ora, Mister Pioli avrà capito su cosa puntare: umiltà, semplicità, efficacia, le cose troppo elaborate non portano da nessuna parte in questo momento storico, chiedere a Marco Giampaolo per ulteriori informazioni…

Fabio Montesanti

 

THE GAME REVOLUTION

Commenta per primo

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.