E’ di oggi la notizia dell’ennessima ripartenza dell’ Associazione Calcistica Rilancio Messina, che riparte dal suo storico acronimo ACR, che ha fatto la storia dal dopoguerra fino al 1992.

Oggi la societa’ del presidente Sciotto, dopo due deludenti annate, che hanno fatto allontanare e disinamorare la maggior parte dei tifosi messinese, ha trovato un intesa con una societa’ messinese, l’USD Camaro, per svolgere un progetto sportivo comune e provare a dare una struttura societaria, che in questi due anni e’ completamente latitata.

Il presidente del’ex Camaro D’Amico aveva riacquistato il vecchio logo che era finito nelle mani di Lo Monaco quando era presidente dell’ ACR, e lo ha messo a disposizione dell’attuale societa’ che riprendera’ il logo storico.

Verra’ completamente rinnovato il settore giovanile, che l’anno scorso e’ stato poco curato, grazie all’ingresso nella nuova societa’ di due dirigenti del Camaro che hanno fatto del vivaio un loro fiore all’occhiello, che quest’anno e’ addiruttura arrivato alle fasi finali nazionali.

A giorni verrano ufficilizzati i nomi del direttore sportivo e dell’allenatore.

Una societa’ che sopratutto dovra’ lavorare duramente per recuperare il credito perso con la tifoseria, amareggiata e delusa, che ha visto molti tifosi allontanarsi dallo stadio e alcuni di loro addirittura parteggeranno per il nuovo Fc di Arena che ha rilevato il vecchio Citta’ di Messina. Una divisione che non fa bene alla citta’ e che ha creato un inutile guerra tra poveri.

La scelta sensata sarebbe trovare un intesa per riunire le forze tra le due compagini in un’unica squadra, e costruire una squadra competitiva che possa regalare a una tifoseria appasionata le categorie che merita.