Champions League: è un grande Napoli, ma viene beffato al 93′ da Di Maria. 2-2 il finale

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

È un grande Napoli quello visto al Parco dei Principi ma beffato nel finale: 2-2 contro il Psg in virtù della rete conclusiva di Di Maria, oggetto misterioso tutta la serata. La rete di Lorenzo Insigne aveva aperto le danze, per il match di winner della sfida con il Liverpool poi però c’è anche l’infortunio, poi Mario Rui, sfortunatamente, era stato protagonista dell’autogol dell’1-1. Dries Mertens ha sfiorato la tripletta considerata la traversa del primo tempo, il gol del momentaneo 2-1 e il colpo di testa sporcato da un buon Areola.
La prestazione dei partenopei è stata ancora meravigliosa, proprio come contro gli inglesi, vittoriosi stasera per 4-0 contro la Stella Rossa, ma la poca freddezza sotto porta e la tanta sfortuna hanno influito in modo negativo su una sfida dominata. Il capolavoro tattico di mister Ancelotti, tornato nella tana dove ha reso grande i parigini, si è visto ancora una volta, mascherando il 4-3-3 in un 3-5-2, con Hamsik in buona forma, ma soprattutto Koulibaly ed Allan a giganteggiare per tutti e 90′ e usciti distrutti. Tutto il Napoli è stato positivo stasera, in entrambi le fasi, dunque c’è poco da recriminare se non quello di aver giocato con fenomeni, che meritato la solita etichetta: è bravo ma non si applica.
Già, perché la partenza degli uomini di Tuchel lasciava presagire il peggio per gli ospiti, poi si sono limitati a giocate e possesso fine a se stesso, aspetto da migliorare per competere in questa competizione, recuperandola nel finale con fortuna e un po’ di presa di posizione di Neymar, uno dei pochi, seppur irritante, a salvarsi: Cavani e Mbappé, come tutti i movimenti scoordinati, da rivedere.
Il Napoli resta secondo, ma avrebbe potuto dare una sterzata al girone, che resta bloccato in due punti: fondamentale sarà il girone di ritorno, intanto, domenica, c’è la Roma in un big match tutto italiano. 

CRONACA
PRIMO TEMPO- Pronti, via: il Psg ci prova subito in avanti con Mbappé, che serve al centro uno tra Cavani e Neymar, che invece si scontrano, con il brasiliano ad avere la peggio per qualche minuto. I padroni di casa partono meglio nei primi 15′, ma Cavani spreca con il sinistro, invece O’Ney deve far fronte al colosso Koulibaly, invalicabile. La partita è nervosa, con varie ammonizioni nei primi minuti: il Napoli comincia a farsi in avanti dopo il 20′, dopo aver studiato la situazione ed aver rischiato in alcune situazioni.
Infatti, con il passare dei secondi, il gioco cambia: possesso Napoli e contropiede parigino, ma i partenopei fanno tremare gli avversari con la traversa di prima di Mertens su cross di Mario Rui. È solo il preambolo al gol: Callejon serve Insigne, che taglia alla grande e con un pallonetto batte Areola. La partita si incattivisce, ma gli ospiti giocano in maniera sublime, trovando triangoli a meraviglia e recuperando palloni in quantità industriale a centrocampo con un Allan che giganteggia.
Ospina para sul tiro sporco di Cavani, il folletto azzurro invece non sfrutta il tiro da buona posizione, subendo anche un colpo allo sterno.

SECONDO TEMPO- Il Napoli sembra troppo attendista dalle prime battute e i francesi costruiscono, anche se in maniera confusionaria e smembrata, di più: Ospina blocca su Meunier e respinge male su Neymar, ma Cavani, in offside, sbaglia un clamoroso tap-in. La squadra di Tuchel in qualche modo si avvicina in area, e Mario Rui devia in modo fortuito nella sua porta: è un pareggio immeritato. Per la squadra di Ancelotti però, la risalita è dura, considerando la doccia fredda e l’uscita di Insigne per infortunio. La squadra di casa prova a giocare a specchio, ma ecco il giusto premio per i campani: tiro di Fabian Ruiz deviato da Marquinhos, con il pallone che carambola su Mertens, che, più lesto di tutti, firma il primo gol della competizione.
Ospina salva i suoi su una punizione di Neymar, che prova a mettersi in proprio: su capovolgimento di fronte, Mertens sfiora la doppietta di testa. Con 5 minuti di recupero, il Psg caparbio e fortunato trova il pareggio con Di Maria con il sinistro a giro. La possibilità di un nuovo vantaggio viene smorzato dal fallaccio di Draxler non punito con il rosso: con questa decisione dubbia la sfida termina sul 2-2.

FORMAZIONI
PARIS SAINT-GERMAIN (4-2-3-1): Areola; Meunier, Marquinhos, Kimpembe, Bernat (46′ T. Kehrer); Verratti (83′ Diaby), Rabiot; Mbappé, Á.Di María, Neymar; Cavani (76′ Draxler). All. Thomas Tuchel

NAPOLI (3-5-2): Ospina; Maksimović, Raúl Albiol, Koulibaly; Callejón (Dal 88′ Rog), Allan, Hamsik, Fabián Ruiz, Mário Rui; Insigne (53′ Zielinski), Mertens (Dal 84′ Milik). All. Carlo Ancelotti

Informazioni su Mattia Esposito 120 Articoli
Giornalista sognatore che ama lo sport, dal tennis al calcio, passando per i motori: scrivere per la Storia