Nella calda Spagna oggi si e’ giocato il ritorno della semifinale di Europa League tra Valencia e Arsenal, con gli Spagnoli che vogliono provare a ribaltare il 3-1 dell’andata, e l’Arsenal che vuole conquistare una finale europea dopo tredici anni.

Emery e’ una grande specialista dell’Europa League, per averla vinta tre volte di fila con il Siviglia, e stasera potrebbe staccare il biglietto per la quarta.

Ma a sorpresa e’ il Valencia a passare in vantaggio all’11’ con Rodrigo che approfitta di un errore di Maitland-Niles e passa la palla a Gameiro che batte Cech e porta in vantaggio il Valencia. Ma non passano nemmeno cinque minuti che Lacazette fa una sponda per Aubameyang che dal limite dell’area calcia al volo e manda la palla all’ incrocio dei pali.

Nel secondo tempo l’Arsenal passa in vantaggio con Lacazette che riceve palla da Torreira, e dopo che con una finta di corpo si libera del difensore, calcia a rientrare e manda la palla nell’angolino destro della porta difesa da Neto.

Il Valencia trova il pareggio con Gameiro che batte Cech approfittando di un rimpallo nella difesa dell’Arsenal. Il Valencia ci crede e spinge in avanti; ma non ha fatto i conti con Maitland – Niles che recupera un pallone in difesa e si avvia nella fascia in stile Bruno Conti ai mondiali in Spagna, e non appena arriva sul fondo crossa per Aubameyang che senza pensarci due volte spara una cannonata che non lascia scampo a Neto. Un gol che rende la strada per Baku in discesa.

Aubameyang sugella poi la partita all’88’ regalandosi una tripletta personale e mettendo in ghiaccio la finale dell’Europa League.

Una finale meritata e che l’Arsenal giochera’ contro il Chelsea che ha battuto il Francoforte dopo i rigori. Per la prima volta dopo tanto quattro squadre della stessa nazione nelle finali Europee, a dimostrare che il calcio inglese di questi tempi e’ decisamente di un livello altissimo.