Il calcio24ore incontra Jorge Juary, intervista esclusiva all’ex giocatore dell’Avellino che ci parla di un nuovo progetto.

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

Grazie alla segnalazione del nostro collaboratore e lettore Alessandro Uliano,  siamo venuti a conoscenza del ritorno in Italia dell’ex giocatore di Inter, Avellino e Ascoli Jorge Juary.

Juary come annuncia sulla sua pagina Facebook, dal 5 marzo sarà a Milano, per iniziare un progetto con il Santos  (squadra dove è cresciuto calcisticamente, e che può annoverare un vivaio florido, tanto da aver cresciuto campioni come  Pele e Neymar e lo stesso Juary, tanto per citarne alcuni), diventando allenatore della prima scuola giovanile del  Santos, che nascerà in Europa.

Questa notizia ci ha talmente incuriosito, che abbiamo chiesto al nostro collaboratore Alessandro di metterci in contatto con Juary, e lui si è reso disponibile e ha risposto ad alcune domande che gli abbiamo fatto.

1) Ciao Jorge, ti ringraziamo per la tua disponibilità e iniziamo la nostra intervista con una domanda sull’Inter. Secondo te la squadra di Conte è pronta per vincere lo scudetto?

Penso proprio di si, Conte e Oriali stanno facendo un bel lavoro, costruendo insieme una squadra forte, che può tranquillamente competere per la vittoria del campionato.

2) Cosa ne pensi dell’ Avellino di quest’ anno? Raggiungerà i Playoff?

Ce la potrebbero fare, sopratutto dopo che hanno rimediato all’ errore di mandar via Salvatore Di Somma. Figura dirigenziale necessaria per fare una squadra competitiva in queste categorie.

3) Visto che lavorerai in un settore giovanile,  parliamo di due talenti brasiliani. Il primo è Gabigol. Dopo la sua parentesi sfortunata all’ Inter e la sua strepitosa stagione al Flamingo, pensi sia pronto per rigiocarsi le sue carte nei campionati Europei?

Gabigol ha fatto una grande stagione con il Flamengo, sono sicuro che adesso possa riprovare a giocare in un campionato europeo più competitivo.

4) Il secondo di cui parliamo invece è Gabriel Martinelli, giocatore dell’Arsenal; secondo te siamo davanti a un nuovo Top Player?

È ancora presto per definirlo un Top Player, ma è un giovane con grandi margini di miglioramento.

5) In cosa consiste questo progetto del Santos in Italia? Parlaci dei vostri obbiettivi?

E’ un progetto in collaborazione con il Santos, per portare la nostra filosofia di crescita di talenti anche in Europa. Il nostro obbiettivo è formare dei giovani giocatori europei da integrare nella prima squadra del Santos, ma allo stesso tempo far crescere anche dei giovani talenti brasiliani da proporre alle squadre Europee.

6) Nelle giovanili del Santos c’è qualche talento che può fare bene in Europa?

Quest’anno dal vivaio del Santos, è uscito un giocatore molto talentuoso, che abbiamo ceduto al San Paolo. Si tratta di una mezza punta, che si chiama Bernardo Paias, munito anche di passaporto italiano. Il giocatore ricorda molto Kaka’, ma è un giocatore che ha una velocità superiore all’ex giocatore del Milan.

Ringraziamo Juary per la sua disponibilità e gentilezza, e  gli facciamo un grosso in bocca al lupo per la sua nuova avventura in Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.