Inter: Il Tottenham per il riscatto o l’affondo.

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

Prima partita Champions dopo cinque anni per l’Inter di Luciano Spalletti. Gli “Spurs” per il riscatto nerazzurro oppure per l’affondo di tutta la nave “spallettiana”.

Sabato 15 settembre è andata in scena la rovinosa caduta interna dell’Inter contro il Parma. Una sconfitta per 0-1 che mette in netta evidenza come il club nerazzurro abbia grandi difficoltà nell’essere padrone del match. Sicuramente a mettere il bastone fra le ruote è stata anche la sfortuna, questo però non deve essere un’alibi.

Troppe le cadute fin’ora in campionato con la Juventus già a +8, con un gioco sterile senza grinta e determinazione. Partite come quelle di Sassuolo, Torino e Parma per una squadra ambiziosa non possono tramutarsi in cadute dalla quale rialzarsi.

Sabato ci è mancato il gol. Quello è stato il nostro problema secondo me contro il Parma. Ora però dobbiamo solo pensare al Tottenham.

Queste le parole del roccioso difensore interista Milan Skriniar convinto del fatto che ritrovare un risultato positivo possa essere di grande aiuto per riprendere un cammino all’insegna della conquista di obiettivi prefissati a inizio stagione. Continua…

Non ho mai giocato una partita così importante e non vedo l’ora di giocarla. Penso che per noi possa essere la partita giusta per riscattarci.

Skriniar al debutto in Champions

Un dato è certo che oltre a Skriniar, ad essere voglioso di giocare contro il Tottenham, c’è anche un popolo nerazzurro che non vede l’ora del riscatto della propria squadra. Il problema sta nel fatto che se questa emancipazione contro la squadra inglese non dovesse arrivare, le cose per Luciano Spalletti andrebbero a complicarsi e non di poco.

I massimi dirigenti interisti hanno dato massima fiducia al mister di Certaldo, con dichiarazioni stampa e rinnovando il contratto con aumento dell’ingaggio, ma questo a mio parere non sarà sufficiente nel momento in cui dovesse arrivare un risultato negativo contro gli “Spurs”. 

Ritrovarsi in campionato con 4 punti su 12 a disposizione e perdendo la prima di Champions in casa è qualcosa che va fuori da ogni logica se pensiamo che il mercato interista tutto sommato è stato fatto tenendo conto di ciò che voleva Spalletti. E’ stato accontentato per l’80% delle sue richieste, è suo dovere e obbligo fare meglio.

# Squadra PG V P S GF GC DG Pts.
3 Inter Milan 25 16 6 3 49 24 +25 54

 

 

Informazioni su Gianmarco De Giorgi 1422 Articoli
Fondatore del Magazine sportivo "IL CALCIO 24 ORE"  laureato in scienze motorie all'università Carlo Bò di Urbino. Appassionato di giornalismo sportivo, numeri e statistiche calcistiche.