Come dicevamo ieri nel nostro articolo, la nostra stagione calcistica da inviati e’ cominciata ieri sera al King Power Stadium, dove abbiamo visto il Leicester contro l’Atalanta.

Il Leicester che ha annunziato la cessione di Macguirre al Manchester United, affronta l’Atalanta che in preparazione di questa stagione che la vedra’ in Champions League per la prima volta nella sua storia, ha fatto un tour del Regno Unito per preprararsi al meglio per le serate di Champions.

Davanti a una folta presenza di tifosi, tra i quali molti inglesi che da sempre seguono le sorti della Dea, visti i rapporti di amicizia con alcuni tifosi italiani e il legame tra Bergamo e l’Inghilterra, l’Atalanta ha giocato una grandissima partita mettendo in apprensione il Leicester che ha faticato molto per poter imporre il suo gioco. Infatti le azioni piu’ pericolose nel primo tempo sono tutte di marca Atalantina. Infatti i bergamaschi sono andati vicino al gol con Ilicic e Gosens, ma il tiro del primo sfiora la traversa, mentre il tiro del secondo viene parato in tuffo da Schmeichel.

Nel secondo tempo e’ il Leicester a prendere il pallino del gioco, ed infatti sono proprio le Foxes a passare in vantaggio con Perez al 61′, dopo che l’attaccante acquistato quest’anno dal Newcastle parte in azione personale e batte Gollini con un tiro dall’interno dell’area.

Leicester che raddoppia con Vardy che parte in azione personale, supera Palomino e batte Gollini tirando un diagonale che si spegne nell’angolo sinistro della porta.

L’Atalanta accorcia le distanze all’ultimo minuto con un rigore assegnato per fallo su Gomez. Muriel si incarica della battuta e spiazza Schmeichel, portando il risultato sul 2-1.

Per i bergamaschi non c’e’ stato il tempo di completare la rimonta perche’ l’arbitro ha concesso solo un minuto di recupero.

Finisce con la vittoria del Leicester che ha faticato moltissimo al cospetto di un Atalanta che e’ sembrata in forma campionato.