L’Inter può fare a meno di Mauro Icardi

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

L’Inter a Bologna ha giocato senza Mauro Icardi, per un risentimento muscolare, ci domandiamo: L’Inter può fare a meno dell’argentino?

03 SETTEMBRE 2018 19:00

Bologna ha sancito al popolo nerazzurro alcune verità. Ecco la spiegazione: Spalletti ha purtroppo fatto a meno di Mauro Icardi per un improvviso infortunio alla coscia, un risentimento muscolare che non dovrebbe destare molte preoccupazioni. Questo inatteso contrattempo ha dirottato mister Luciano verso l’inserimento come punta centrale di Keita, una mossa obbligatoria che ha permesso all’offensiva nerazzurra di avere maggiore dinamicità e movimento senza palla. Dietro lo spagnolo Perisic, Nainggolan e Politano.

Detto ciò spostiamo la nostra attenzione nei confronti del belga Radja Nainggolan che il tecnico di Certaldo ha ritrovato dal primo minuto con grande piacere. Il belga è stata la dimostrazione di come all’Inter fin’ora mancasse un profilo del genere per dare strappi improvvisi e soprattutto conclusioni dai sedici metri. E’ stato in grado in una partita di dare sfoggio a tutte le sue capacità tecniche e tattiche senza che l’assenza di Icardi si facesse sentire. Keita non ha fatto una grande partita, ma solo il fatto di muoversi per la squadra e di attuare scambi repentini con il belga fanno capire come Icardi in alcune partite, soprattutto con le piccole, sia una zavorra per l’Inter. In avanti è necessario del movimento.

In questi anni l’Inter ha basato tutto sulle qualità realizzative dell’argentino, cercando di fornire a non finire quasi ossessivamente, cross buoni per l’imbucata vincente di Mauro. Però non funziona così anche perchè i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Una giornata storta di Icardi corrisponde quasi sicuramente a una non vittoria per i nerazzurri, per questo è necessario un cambiamento e Bologna ha consegnato a tutti gli interisti questa triste verità:  Icardi in alcune partite è un peso per l’Inter soprattutto in termini tattici per lo scarso contributo in movimento. 

Vendere Icardi sarebbe stato opportuno per le casse neroazzurre ma soprattutto per l’aspetto tattico.

Vendere Icardi si o no? Certamente qui il popolo interista si divide nettamente in due posizioni: chi lo ama e chi lo vede come un giocatore che può essere ceduto tranquillamente. Bene noi pensiamo che la vendita di Icardi porterebbe all’Inter solo aspetti positivi. Innanzitutto al bilancio che sta avendo una ripresa ma ancora siamo lontani dal pareggio economico di rendiconto annuale, secondo aspetto non meno importante è poter adeguare la vendita di Icardi ad una rifondazione tecnica e tattica di cui l’Inter necessiterebbe. L’acquisto innanzitutto di giocatori funzionali al progetto di Spalletti il che significa rifondare l’intero centrocampo.

Questa disamina deriva da ciò che si è visto a Bologna e cioè un’Inter che può fare a meno di Mauro Icardi
Informazioni su Gianmarco De Giorgi 1441 Articoli
Fondatore del Magazine sportivo "IL CALCIO 24 ORE"  laureato in scienze motorie all'università Carlo Bò di Urbino. Appassionato di giornalismo sportivo, numeri e statistiche calcistiche.