Premier League: Arsenal – Everton 3-2, spettacolo all’Emirates, Arteta batte Ancelotti.

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni
Arsenal's Eddie Nketiah scores his side's first goal of the game during the Premier League match at the Emirates Stadium, London. Picture: John Walton/PA

Il nostro pomeriggio di calcio inglese, ci ha regalato un Big match importante per la zona Europa, Arsenal – Everton.

Entrambe le squadre sono in un grande periodo di forma, grazie anche ai loro rispettivi allenatori, che hanno ridato linfa alle loro squadre, dopo il periodo buio, passato lo scorso anno.

Una partita che è stata emozionante dal primo all’ultimo minuto, con continui cambi di fronte.

Passano appena pochi secondi e Calwert-Lewin, su una palla vagante in area si inventa una rovesciata, che batte Leno. Sul gol ci sono state le proteste dei giocatori dell’Arsenal per un presunto gioco pericoloso dell’attaccante su David Luiz, ma il Var chiamato in causa conferma il gol dell’Everton.

Ma l’Arsenal non si scompone e riparte in attacco, e dopo aver sfiorato il gol con Pepe,  trova il pareggio con una combinazione Saka – N’Ketiah, con il giovane esterno che crossa in mezzo, e N’Ketiah da vero opportunista batte Pickford con un tocco a volo.

Arsenal che trova il gol del vantaggio con Aubameyang, che dopo aver raccolto un passaggio filtrante di David Luiz, e con un tiro a giro batte Pickford per il 2-1.

I Toffies nel finale di tempo trovano il pareggio con Richarlison, che si avventa come un falco su un rimpallo in area,  e anticipa Leno in uscita segnando il gol del 2-2.

Il secondo tempo si apre con Aubameyang che svetta su un cross di Pepe, e trova il gol del 3-2.

L’Everton reagisce e sfiora il pareggio con Richarlison, ma stavolta trova un Leno in versione portiere di Hockey, che devia la palla in calcio d’angolo.

Anche l’Arsenal sfiora il gol della sicurezza con il giovane N’Ketiah, che supera Pickford con un tiro alla Del Piero, ma che termina però la sua corsa colpendo la traversa.

Una vittoria che permette ai Gunners di superare proprio l’Everton, e ritornare sulla scia della zona Champions, che adesso dista solo quattro punti.

Commenta per primo

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.