Il Friday Night di Premier League ha messo di fronte la neopromossa Aston Villa contro l’Everton. E’ un Villa Park pieno in ogni ordine di posto, con i padroni di casa che dopo due sconfitte consecutive, sperano di poter ottenere la prima vittoria in casa; l’Everton invece vuole dare continuita alla vittoria casalinga contro il Watford.

E’ stato un “Friday Night” che ha riservato grandi emozioni, con le due squadre che si sono affrontate rispondendosi colpo su colpo, e dando vita a una partita spettacolare e viva fino agli ultimi secondi di gioco.

Partita che e’ stata vinta dai padroni di casa per 2-0.

Un risultato che farebbe pensare a un dominio assoluto dei “villans”, cosa che invece non e’ stata, perche’ l’Everton ha avuto grandi occasioni che non ha saputo sfruttare, sprecandole miserevolmente.

Il Villa passa in vantaggio al 21′ con Wesley, che raccoglie un passaggio di Jota, che ha tagliato la difesa, e di prima lascia partire un diagonale imprendibile, che non ha lasciato scampo al portiere della nazionale Pickford.

I Toffees hanno avuto tre grandi occasioni per rientrare in partita, con gli ex Arsenal Iwobi e Walcott. Ma il primo e’ stato fermato dai legni, visto che ha colpito una traversa e un palo; il secondo invece ha sprecato malamente un’occasione da due passi mandando il pallone alto sopra la traversa da buona posizione.

Una imprecisione eccessiva che l’Everton paghera’, subendo il gol del 2-0 in pieno recupero con El Ghazi, che riceve un passaggio da Mcginn, che dopo aver aggirato due difensori, segna mettendo il pallone alle spalle di Pickford con un bellissimo tiro a giro.

Un gol che vale la prima vittoria dell’Aston Villa, che puo’ finalmente respirare dopo due sconfitte consecutive. L’Everton invece e’ stato troppo sprecone e impreciso, non rendendo giustizia alla mole di azioni pericolose create. Il tecnico Da Silva dovra’ lavorare molto in settimana su questo aspetto.