Il Monday Night della Premier League ci regala una sfida classica, che come ogni anno mette in palio punti per la zona Champions.

Questo lunedi notte ci regala la sfida tra Manchester United e Arsenal, una classica dell’alta classifica della Premier League.

I padroni di casa sono reduci dalla sconfitta subita a Londra, per mano del West Ham che li ha battuti per 2-0. Mentre i Gunners hanno vinto in rimonta contro l’Aston Villa, e sono determinati a ottenere un successo fuori casa che li proietterebbe al terzo posto insieme al sorprendente Leicester.

Entrambe le squadre si danno battaglia e giocano alla pari, con continui cambi di fronte. E le occasioni non mancano da entrambe le parti con i portieri che si disimpegano bene, sopratutto De Gea, che salva il Manchester in una doppia occasione dell’Arsenal prima respingendo un tiro di Saka e poi di Guendozi.

Il Manchester United va in vantaggio al 45′ con un azione di contropiede, che termina con McTomminay che trova il jolly da fuori area, con un tiro imparabile che non lascia scampo a Leno.

L’Arsenal trova il pareggio nel secondo tempo grazie ad Aubameyang, che raccoglie un passaggio di Saka, e batte De Gea con un pallonetto.  A primo acchitto l’arbitro annulla il gol, per una sospetta posizione di fuorigioco; ma subito dopo aver consultato il VAR, decide di convalidare la rete del pareggio dell’Arsenal.

L’Arsenal va vicino al raddoppio con Saka, ma il suo piattone destro diretto in porta viene deviato da un difensore dello United.

United che va vicino al gol con una punizione di Rashford che trova la parata di Leno, che si distende e devia la conclusione dell’attaccante della nazionale inglese.

Una partita che finisce in pareggio, pareggio che consente all’Arsenal di agganciare il quarto posto in condominio con il West Ham. Una gran prova di carattere dei ragazzi di Emery, che hanno giocato bene sopratutto da segnalare la buona prova di Chambers, che sta ricoprendo bene la posizione di terzino e di Saka e Guendouzi, giovani che partita dopo partita stanno prendendo consapevolezza dei propri mezzi, e Aubameyang che si conferma un attaccante letale che concretizza le poche occasioni che gli capitano.

Il Manchester United fatica ad avere continuita’, e non sembra dare una gran visione di gioco, apparte le buone prove dei giovani McTomminay e James, si sta esprimendo davvero male per la qualita’ della rosa che ha, con Solskyaker che sembra essere in bilico.