Pronti e via si parte, in attesa di lui.

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni
Momento difficile per mister Spalletti

La stagione dell’Inter inizia con un clima più disteso e con la convinzione di essere più forte della passata stagione.

Serie A, Champions League e coppa Italia saranno le tre competizioni a cui i nerazzurri parteciperanno quest’anno.

Mister Luciano rispetto all’inizio della passata stagione ha gli animi più distesi, consapevole di ciò che ha fatto la proprietà e che molto probabilmente farà.

Luciano Spalletti

Un Luciano Spalletti a pugni duri l’estate del 2017 con promesse disattese da Suning al contrario di quest’anno. Una situazione più distesa in casa Inter dopo gli acquisti fatti: De Vrij, Asamoah, Naingoolan, Politano, Martinez.

Certamente c’è tanto da lavorare, il tecnico toscano dovrà trovare le misure giuste per poter dar vita alla sua creatura che da tempo ha cercato.

Ovviamente sarà più facile con gente che sa tanto sulla serie A. Domandare a De Vrij, Asamoah, Naingoolan e Politano. Insomma una creatura che nascerà all’insegna nella completa sicurezza di conoscere il nostro campionato, con un tecnico che ha sempre migliorato le sue performance il secondo anno nello stesso club.

Le statistiche lo dicono. E’ stato così alla Roma e anche allo Zenit con cui ha vinto il campionato russo.

Quindi saranno parole più dolci rispetto a quelle dello scorso anno di inizio stagione, sarà uno Spalletti più “coccolone” meno aggressivo.

Poi se la dirigenza interista riuscirà a prendere Dembelè ecco che ritroveremo in conferenza stampa un Luciano che parlerà non di quello che si poteva fare sul mercato ma soprattutto su ciò che i giocatori dovranno obbligatoriamente fare.

Non ci sono più scuse, se la rosa si completerà con gli obiettivi Dembelè e Vrsaliko l’Inter può e deve puntare su obiettivi stagionali più alti che alla sola qualificazione Champions.

Informazioni su Gianmarco De Giorgi 1453 Articoli
Fondatore del Magazine sportivo "IL CALCIO 24 ORE"  laureato in scienze motorie all'università Carlo Bò di Urbino. Appassionato di giornalismo sportivo, numeri e statistiche calcistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.