Serie A: D’Ambrosio salva l’Inter, Fiorentina spumeggiante.

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

La prima vittoria in casa del campionato è giunta contro una Fiorentina messa bene in campo dall’ex Pioli.

Il Tabellino

45′ rig. Icardi (I), 53′ aut. Skriniar (I), 77′ D’Ambrosio (I)

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino (69′ Keita Balde), Brozovic; Candreva (58′ Politano), Nainggolan, Perisic (88′ Gagliardini); Icardi. All Spalletti

Fiorentina (4-3-3): Lafont; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi (84′ Vlahovic), Veretout, Edimilson (64′ Gerson); Chiesa, Simeone (54′ Pjaca), Mirallas. All. Pioli

Questa doveva essere la partita in cui Spalletti si giocava molto riguardo alla credibilità del suo progetto. La prima vittoria in casa in campionato doveva passare necessariamente dai viola, era inaudito che ancora l’Inter non avesse trovato i suoi tre punti casalinghi.

Per fortuna dei nerazzurri, come al solito altalenanti durante un match di novanta minuti, D’Ambrosio grazie ad un’intuizione di Icardi ha trovato la strada giusta per la vittoria. Una Fiorentina partita con il piglio delle grandi squadre, pressing alto, aggressività a tuttocampo è riuscita a mettere in grande difficoltà l’Inter per il primo quarto d’ora. E’ stato in questo lasso di tempo che i viola hanno sfiorato per primi la rete, che all’onor del vero avrebbero meritato.

Icardi firma il vantaggio su rigore 1-0

Poi come al solito non si sa per quale motivo, l’atteggiamento dell’Inter cambia di netto. Si è passati da una squadra apatica ad un undici aggressivo, voglioso di vincere e cattivo. Bene, grazie a questa trasformazione, dettata dal Dio “San Siro” i ragazzi di mister Spalletti con anche attraverso l’uso della Var hanno trovato il rigore giusto per passare in vantaggio.

Tutto sembrava scorrere lisco come l’olio quando all’inizio del secondo tempo, ricorreva l’ottavo minuto di gioco, Chiesa figlio d’arte del mitico Enrico trova un jolly dai venti metri che entra in porta grazie ad una deviazione fatale del pur bravo Skriniar.

Come al solito si ritorna nella sofferenza più assoluta, un’afflizione che questa volta dura fino alla fine della partita con la Fiorentina che rischia addirittura di trovare il vantaggio. Era destino che i viola sarebbero stata la squadra vittima dell’Inter per la prima vittoria in casa, perchè a metterci lo zampino, sicuramente è stato “San Siro”.

 

Informazioni su Gianmarco De Giorgi 1418 Articoli
Fondatore del Magazine sportivo "IL CALCIO 24 ORE"  laureato in scienze motorie all'università Carlo Bò di Urbino. Appassionato di giornalismo sportivo, numeri e statistiche calcistiche.