Serie A: il Napoli soffre ma vince. 2-0 al Sassuolo

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

Il Napoli, nel segno di Insigne, batte anche il Sassuolo per 2-0 e si conferma la seconda forza del campionato. Al San Paolo i partenopei amministrano il doppio vantaggio, siglato da Ounas e Insigne, contro gli emiliani che anche oggi hanno mostrato un ottimo gioco e voglia di fare. Infatti, gli ospiti hanno rischiato spesso di segnare, ma solo per via della presenza di Ospina non ha trovato il gol: il colombiano oggi è promosso dopo uscite stagionali mediocri.
Il Napoli è stanco, dopo la meravigliosa sfida con il Liverpool, infatti Ancelotti fa ampio turnover: nei primi minuti l’attacco incanta, ma ancora una volta non chiude il match, rischiando quindi di soccombere nella ripresa, sempre per un problema di poca freddezza in avanti. In queste prime partite sono 16 i gol segnati, tra campionato e coppa, di cui 7 di Insigne, che ha sigillato il match con il suo ingresso in campo, dimostrandosi l’uomo chiave e più in forma della macchina campana. La difesa funziona, anche se le lacune restano: la porta inviolata è una manna dal cielo, soprattutto in ottica sosta delle nazionali.
Tra i migliori sicuramente Ospina e Koulibaly, con buoni sprazzi di Verdi, mentre è da rivedere Zielinski come Mertens: negli ospiti, buona prestazione corale a cui è mancato il terminale offensivo. La seconda piazza è confermata, mentre sarà l’Inter che può accorciare a -2: dopo la sosta c’è l’Udinese, i neroverdi invece a Genova con la Sampdoria.

CRONACA
PRIMO TEMPO- Pronti, via: Locatelli fa un passaggio suicida all’indietro, Ounas intercetta e con un sombrero si sbarazza di Magnani, firmando l’1-0 e il primo gol in Serie A.
Il Napoli domina nei primi 15′, avvicinandosi al gol con Zielinski e Mertens, che a tu per tu con il portiere si divorano due gol clamorosi: gli errori di un Sassuolo distratto e molle si susseguono, con un altro retropassaggio sbagliato dell’ex Milan che mette quasi nei guai i suoi con Mertens che prova il pallonetto da lontanissimo. Dopo aver fatto innervosire un Consigli miracoloso, Boateng al 30′ ci prova per la prima volta per i suoi: negli ultimi 15′, il nervosismo fa breccia in mezzo al campo, con Verdi e Co. che nel corso dei minuti abbassano i ritmi, senza riuscire più a raddoppiare.

SECONDO TEMPO- I partenopei vogliono il secondo gol, quindi entra in campo Insigne per Ounas: dopo un’occasione a testa, i padroni di casa smettono di giocare. Il Sassuolo ha il possesso, mentre la squadra di Ancelotti prova a ripartire in contropiede: Djuricic e Berardi sfiorano il pareggio che sarebbe meritato, ma dopo la girandola di cambi, arriva il raddoppio.
Hysaj, penoso a lungo durante tutto il match, fa una grande discesa e serve Insigne dal limite, che sigla il 7° gol stagionale. Ospina salva ancora sugli attacchi emiliani, mentre il Napoli amministra senza gli scambi veloci in avanti: anche al 85′, il colombiano si supera per Babacar. Nel finale, colpo di scena con l’espulsione di Rogeiro: il Napoli batte 2-0 e si conferma secondo.

FORMAZIONI
NAPOLI (4-3-3): Ospina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Malcuit; Rog, Diawara (Dal 56′ Allan), Zielinski; Ounas (Dal 51′ Insigne), Mertens, Verdi (Dal 69′ Callejon). All.: Ancelotti.
SASSUOLO (3-4-3): Consigli; Marlon, Magnani, Ferrari; Lirola, Magnanelli, Locatelli (Dal 45′ Bourabia) , Rogerio; Djuricic, Boateng (Dal 69′ Babacar), Boga (Dal 45′ Berardi). All.: De Zerbi.

Informazioni su Mattia Esposito 120 Articoli
Giornalista sognatore che ama lo sport, dal tennis al calcio, passando per i motori: scrivere per la Storia