Serie A: il Napoli straccia l’Udinese e si porta a -4 dalla Juve

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

È un grande Napoli anche quello visto alla Dacia Arena di Udine: 3-0 con i gol di Ruiz, Mertens, su rigore e Rog, -4 dalla Juventus e testa alla Champions League: Ancelotti si è preso Napoli. Una vittoria meritata che per circa 80′ però è rimasta incerta nonostante la prodezza di Fabian Ruiz: la maturità ancelottiana già entrata nella testa dei giocatori che sanno soffrire e vincere. Il rigore trasformato dal folletto belga coincide con il record degli stessi gol di Gonzalo Higuain e José Altafini: anche Mertens entra nell’Olimpo dei grandi partenopei, che ora hanno raggiunto tre vittorie di fila. Il modo migliore per approcciarsi alle sfide al Psg e alla Roma: per i friulani invece, è di nuovo crisi, con appena 4 punti sulla zona retrocessione.

CRONACA- Quando il destino è dalla tua parte: Verdi si fa male, Ruiz appena entrato, ha un impatto meraviglioso con un destro a giro. 1-0 e match in cascina? Macché: Lasagna prova a rispondere poco dopo, ma Karnezis non si fa cogliere impreparato. Poi è il Napoli a mangiarsi il 2-0: Zielinski solo davanti alla porta, ma palla a lato. Ci provano anche Mertens e Milik, ma la coppia d’attacco azzurra non trova la porta. Nel finale di tempo si risveglia l’Udinese, ma Pussetto non è cinico davanti a Karnezis mentre Lasagna ci prova senza successo da dentro l’area. Ancora una volta, il Napoli crea ma non riesce a chiudere il match soffrendo fino all’80’: infatti, il centravanti reduce dal ritiro con l’Italia, mette più volte in crisi la difesa partenopea, che sarebbe potuta essere la sua se Giuntoli l’avesse comprato a giugno.
Samir poi, sfiora l’autogol, quindi Zielinski lamenta un tocco con la mano: dopo poco ecco il penalty. Mertens va dal dichetto e fa 71 con la maglia azzurra: nel finale, entra Rog, e qualche secondo più tardi è proprio il croato a trovare il gol del 3-0 dal limite dell’area.

FOMRAZIONI
Udinese (4-1-4-1)
: Scuffet; Stryger Larsen, Troost-Ekong (35’ Opoku), Nuytinck (86′ Wagué), Samir; Behrami (68’ Barak); Pussetto, S.Fofana, Mandragora, de Paul; Lasagna. All. Julio Velázquez

Napoli (4-4-2): Karnezis; Malcuit, Raul Albiol; Koulibaly, Hysaj; Callejón, Allan, Zielinski (85’ Rog), Verdi (4’ Fabián Ruiz); Mertens, Milik (74’ Hamsik). All. Carlo Ancelotti

Informazioni su Mattia Esposito 120 Articoli
Giornalista sognatore che ama lo sport, dal tennis al calcio, passando per i motori: scrivere per la Storia