Serie A: Insigne show a Torino, il Napoli batte 3-1 il Torino

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

Allo Stadio Olimpico Grande Torino, il Napoli batte 3-1 il Torino nel nome di un grande Lorenzo Insigne, autore di una doppietta e sempre nel vivo del gioco: il momentaneo 2-0, nel momento di massima espressione del gioco partenopeo, lo sigla Simone Verdi, proprio contro la sua ex squadra. Nei granata invece il gol della bandiera è di Andrea Belotti, siglato sul calcio di rigore: il Napoli è appaiato alla Juventus con 12 punti, il Toro rimane invece a 5 punti, anche se i match con la Spal e la Roma gridano ancora vendetta.
Passo indietro per i padroni di casa, fischiati nell’intervallo e a fine match, non avendo mai tirato in porta né tanto meno provato ad impensierire gli avversari: a salvarsi sono davvero in pochi, con Aina e Belotti sempre attivi per lottare, così come Zaza, ma troppo leggero in attacco. La troupe di Mazzarri è rimandata: lo score contro l’ex squadra recita ancora zero vittorie.
Tutt’altra storia invece in casa Napoli, che ottiene un grande successo dopo lo 0-0 di Belgrado,  figlio di un atteggiamento offensivo sin dall’inizio, che ha permesso nei primi 20′ di andare in vantaggio con doppio vantaggio: dunque, tutto è stato più semplice amministrando il risultato nei secondi 45′, dopo una parziale ripresa piemontese.
In attesa dello scontro di Torino con la Juventus, ora c’è il turno infrasettimanale con il Parma.

CRONACA
PRIMO TEMPO- La trama del match è subito chiara: il Napoli fa la partita, mentre il Torino soffre, e al 3′ passa con Insigne, che nell’area del portiere non sbaglia dopo un disimpegno tra Izzo e Moretti.
Gli ospiti dominano per lunghi tratti, scambiando corto e veloce negli spazi, avvicinandosi spesso al gol nei primi 20′, con un Torino impotente: Izzo ci mette due volte una pezza, rischiando anche un autogol, ma nulla può sul gol di Verdi, giunto dopo uno scambio con Mertens, a coronamento di un ottimo primo tempo.
Dopo aver dominato, grazie anche a vari contropiedi in quanto il Toro lascia tanti spazi disponibili, il Napoli amministra il vantaggio, a folate si avvicina alla porta senza colpire, lasciando iniziativa ai granata: il possesso sterile torinese non porta né a tiri né ad azioni pericolose e i fischi incombono.

SECONDO TEMPO- Come spesso succede, il Napoli ad inizio ripresa non scende in campo ed anche questa volta, subisce gol: Luperto abbatte in area Berenguer, e il rigore dubbioso, viene trasformato da Belotti.
Il Toro ha 5′ di furia, ma persa palla a centrocampo, Insigne serve Callejon, che prende il palo, dunque, sul tap-in, il #24 tira e segna con l’ausilio del palo: il gol coincide con la fine del match. Infatti, fino alla fine del match, il leitmotiv è uguale: il Torino detiene il possesso, ci prova con Zaza e Belotti, ma i tentativi sono troppo timidi. Il Napoli, nel cosiddetto “garbage time” del basket, amministra risultato e pallone, non infierendo sull’avversario: dopo 5′ di recupero, il Napoli esulta.

FORMAZIONI
TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Moretti; Aina (78′ Parigini) , Meite (62′ Soriano), Rincon, Baselli (87′ Edera), Berenguer; Zaza, Belotti. All. Walter Mazzarri

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Luperto (74′ Maksimovic); Rog ( 62′ Allan), Hamsik; Callejon, Verdi (54′ Zieliniski), Insigne; Mertens. All. Carlo Ancelotti

Informazioni su Mattia Esposito 120 Articoli
Giornalista sognatore che ama lo sport, dal tennis al calcio, passando per i motori: scrivere per la Storia