Serie B: semifinali ritorno playoff 2017/18

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni

-2. Mancano 2 partite alla fine dell’estenuante e equilibrata stagione di Serie B 2017/18, con i verdetti delle prime due neopromosse come Empoli e Parma, di ritorno in A dopo 3 promozioni di fila, ma anche quella delle retrocesse, già decise: Ternana, Pro Vercelli, Novara e Virtus Entella, attraverso i playout con Ascoli, terminati entrambi 0-0 favorendo i bianconeri per via della miglior classifica.
I playoff sono andati in scena domenica 3 giugno, letteralmente agli antipodi: l’equilibrio di Padova nel 2-2 tra Cittadella-Bari, che ha favorito i veneti considerando la miglior classifica, e il 3-0 del Venezia ai danni del Perugia sempre sconfitto nei turni preliminari. I match dei turni preliminari sono stati rinviati di qualche giorno per via del processo ai Galletti pugliesi, condannandoli difatti ad abbandonare l’idea del ritorno in A dato il -3 e la scalata di un posto in classifica.
Le semifinali d’andata sono finite entrambe con un pareggio, 1-1, dunque è ancora tutto aperto: si inverte la sequenza dei match rispetto a quanto accaduto mercoledì. Il Palermo in casa giocherà contro il Venezia  in un Barbera infuocato ed esigente con vista sulla A  e Frosinone-Cittadella, con i ciociari che hanno dalla propria la classifica e dunque due risultati su 3 chi conquisterà la finale del 13 e 16 giugno per l’ultimo posto in massima serie?

DOMENICA 10 GIUGNO 2018
ORE 18,30
PALERMO-VENEZIA
Il match tra ex compagni di squadra e campioni del mondo 2006, l’ha spuntata Pippo Inzaghi, da buon attaccante qual’era: prima di lasciare la Laguna per approdare a Bologna, vuole portare i veneti in Serie A a 18 anni di distanza dall’ultima volta, con l’aiuto di Joe Tacopina. I neri hanno schiantato 3-0 il Perugia ed ora, ecco il Palermo, giunto 4° ed insieme al Frosinone favorito per la A. Appena 4 i punti di distacco in classifica, con i veneti quinti: l’andata del barbera finì 0-0, ma a Venezia, i padroni di casa la spuntarono 3-0. Gli uomini di Stellone hanno concluso con una vittoria a Salerno, mentre i veneti 0-0 con il Pescara: il match d’andata è stato molto equilibrato, con botta e risposta di gol, con i veneti graziati dall’autogol rosanero.
Si gioca alla Favorita di Palermo: chi tornerà in finale?

ORE 21,00
FROSINONE-CITTADELLA
La sfida tra Roberto Venturato e Moreno Longo è l’anticipo delle semifinali d’andata, la sfida si preannuncia equilibrata come il 2-1 dei laziali della 23esima giornata ma anche quello dell’andata alla seconda giornata, segno di due squadre votate all’attacco e allo spettacolo. I ciociari gridano ancora vendetta dopo aver pareggiato per 2-2 nell’ultima giornata con il Foggia, che ha dato una grossa mano al Parma, negando per il secondo anno di fila l’accesso in A: l’anno scorso il Benevento espugnò il Matusa all’ultima giornata, diminuendo il vantaggio della terza da 12 a 9 punti sulla quarta, consentendo i playoff, vinti dai sanniti proprio contro i canarini gialli. Conclusa come terzi in classifica dopo aver dominato per lunghi tratti la seconda piazza, il Frosinone fa l’esordio ai playoff, ma dovrà superare prima i veneti, che sono giunti qui in virtù del 2-2 contro il Bari dopo i supplementari, ma grazie alla miglior posizione, hanno avuto l’accesso per le semifinali: il Cittadella ha rischiato tanto, ma da sesta in classifica, si ritrova al penultimo atto. I padovani hanno fatto quasi un’impresa ad essere qui, e proveranno fino in fondo a giungere in finale, anche se scoraggiati dopo l’1-1 dell’andata e due risultati su 3 a disposizione dei padroni di casa come il Venezia grazie ad una classifica migliore: altra beffa in vista per i laziali?

Informazioni su Mattia Esposito 120 Articoli
Giornalista sognatore che ama lo sport, dal tennis al calcio, passando per i motori: scrivere per la Storia

Commenta per primo

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.