Serie A: La legge dell’ex, Petagna la rispetta doppietta per lui contro L’Atalanta

aams-vietato-ai-minori-di-18-anni
pronostico spal verona
pronostico spal verona

Quando si dice: “la dura legge dell’ex” si fa rimerimento a calciatori come Petagna che in Spal-Atalanta entrano nel tabellino dei marcatori.

Continua la favola Spal in questo torneo di Serie A 2018/19. Ad inaugurare con il goal il ristrutturato stadio Mazza è un ex della serata, Petagna. Una doppietta la sua che permette alla squadra ferrarese di andare a -3 dalla Juventus e accasarsi abbraccetto con il Napoli a 9 punti.

Chi se lo sarebbe mai aspettato? La squadra di mister Semplici sta dando dimostrazione di attaccamento alla maglia sfoggiando davanti a tutta Italia valori eccelsi, inarrivabili potremmo parlare di virtù al limite della sublimità.  A questo punto una domanda ci sorge spontanea: Questa Spal dove può arrivare? Certamente gli addetti ai lavori parleranno e scriveranno di una squadra con l’unico obiettivo di salvarsi, ma vedendo giocare i ragazzi di Semplici qualche dubbio ci sfiora.

Attesa e ripartenza così Semplici sta costruendo un sogno

Contro l’Atalanta mister Semplici decide di optare per un 5-3-2, uno schema tattico che rispecchia generalmente la vera filosofia di una squadra attenta e pronta a ripartire. Questa era l’intenzione della squadra ferrarese, riuscendoci benissimo. Cosa dire una formazione quella della Spal messa bene in campo, con i due esterni Lazzari(convocato in nazionale) e Fares a macinare chilometri per sostenere difesa e attacco.

Ovviamente un grande merito nel match contro i bergamaschi lo tiene il centrocampo con il sempre verde Schiattarella affiancato dalle due mezz’ale Kurtic e Missiroli. A guadagnarsi gli onori della serata ovviamente è Petagna grande ex della serata che insieme ad Antenucci compongono una delle coppie offensive più pericolose della Serie A.

Andrea Petagna grande ex della serata qui con la maglia dell’Atalanta

L’Atalanta ha perso la strada della vittoria

I bergamaschi non vincono una partita dal 20 Agosto, in quell’occasione il Frosinone in casa atalantina ha subito l’ultima vera sfuriata nerazzurra perdendo per 5-0. Da quel match i ragazzi di Giampiero Gasperini non conoscono la vittoria, subendo in questo lasso di tempo anche l’estromissione da parte del Copenaghen dall’Europa League. Urgono sostanziali interventi di tipo tecnico e tattico perchè è impensabile che una squadra fino a qualche tempo fa espressione massima del calcio veloce e ritmato, possa ad un certo punto crollare su se stessa senza sapere la causa.

E’ normale che un calo fisico possa esserci però nel caso di questa Atalanta sembra più un calo di pressione mentale, come se i ragazzi nerazzurri avessero meno fame rispetto a quella avuta nelle passate stagioni a conduzione Gasperini.

Il tabellino

Marcatori: 5′ s.t. Petagna (S), 11′ s.t. Petagna (S)

Spal (3-5-2): Gomis; Cionek, Vicari (33′ s.t. Djourou), Felipe; Lazzari (41′ s.t. Simic), Kurtic, Schiattarella, Missiroli (27′ s.t. Everton Luiz), Fares; Petagna, Antenucci. All. Semplici.

Atalanta (3-4-3): Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Castagne, de Roon (30′ s.t. Pasalic), Freuler, Gosens; Rigoni (38′ p.t. Rigoni), Zapata, Gomez (33′ s.t. Barrow). All. Gasperini.

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia (Gori, Tolfo; Pillitteri).

Ammoniti: 6′ p.t. Freuler (A), 36′ p.t. Rigoni (A), 40′ p.t. Petagna (S), 15′ s.t. Felipe (S), 19′ s.t. de Roon (A), 49′ s.t. Everton Luiz (S), 49′ s.t. Ilicic (A)

 

 

Informazioni su Gianmarco De Giorgi 1441 Articoli
Fondatore del Magazine sportivo "IL CALCIO 24 ORE"  laureato in scienze motorie all'università Carlo Bò di Urbino. Appassionato di giornalismo sportivo, numeri e statistiche calcistiche.